20 borse di studio nel settore ICT

Borse di studio destinate a diplomati e laureati e/o professionisti del settore che intendono specializzarsi e lavorare nel mondo dell’Information Technology.
I percorsi ELIS-ICT Academy, progettati con i principali player del mercato ICT, hanno l’obiettivo di formare ed inserire nel mercato del lavoro 20 diplomati, laureati e/o professionisti che abbiano passione per il settore ICT e siano alla ricerca di un percorso formativo orientato principalmente all’ottenimento delle competenze tecnico-pratiche tra le più richieste dalle aziende del settore.
Sono disponibili 20 posti di cui 4 con borsa di studio e possibilità di accesso al Prestito D’Onore ELIS. I corsi prevedono una lezione di teoria ed una di pratica e durano da un minimo di 2 mesi ad un massimo di 12 mesi in base alla specializzazione prescelta.
I percorsi sono rivolti anche a persone over 30 che si devono riqualificare professionalmente fino ad un massimo di 45 anni.
Per candidarsi, va compilato il Modulo Online .
Ulteriori informazioni sono displonibili al sito web:  https://ict-academy.elis.org

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Multinazionale, ecco come candidarsi

Next Article

Borse di studio per volare in Bulgaria

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.