Borse di collaborazione dalla Sapienza

La prima università di Roma ha indetto alcuni bandi per offrire ai suoi studenti delle borse di collaborazione all’interno delle strutture universitarie. I collaboratori lavoreranno nei laboratori o nelle biblioteche con orario part-time, per circa tre ore al giorno per un totale di 150 ore retribuite con 1.000 euro.
Per partecipare all’assegnazione occorre essere iscritti alla Sapienza, aver superato determinati esami e aver conseguito un certo numero di crediti. I bandi nel dettaglio provengono dal dipartimento di Scienze della Terra, dove servono 30 studenti, e dal dipartimento di Biologia Cellulare e dello Sviluppo.
Le scadenze dei due bandi sono rispettivamente il 10 e il 12 dicembre. Per maggiori dettagli visitare il sito www.uniroma1.it.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Agcom premia le tesi sui minori

Next Article

Regione Lazio: 56 progetti per l'imprenditorialità

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.