Borsa di studio per laureati in Scienze Biologiche

Il Dipartimento di Biotecnologie Agrarie dell’Università di Firenze bandisce un concorso per l’assegnazione di una borsa di studio per la realizzazione di un programma dal titolo “Miglioramento della qualità dei vini mediante l’impiego di inoculi misti”. La borsa di studio ammonta a 7.200 euro, e il programma avrà durata di 6 mesi. Il progetto verrà svolto presso il Dipartimento di Biotecnologie Agrarie a Firenze. Possono accedere al concorso i candidati in possesso di laurea vecchio ordinamento in Scienze Biologiche o di corrispondente laurea specialistica conseguita presso le Università italiane oppure estere. La domanda di partecipazione al concorso, redatta in carta semplice, dovrà essere inviata al Direttore del Dipartimento di Biotecnologie Agrarie, Via Maragliano 77, 50144 Firenze, e inviata a mezzo raccomandata con avviso di ritorno entro il giorno 29 aprile 2008. Il concorrente dovrà allegare alla domanda l’autocertificazione riguardante gli esami sostenuti (o certificato di laurea con gli esami superati) una copia della tesi di laurea, il curriculum vitae e ogni altro titolo o attestato ritenuto utile.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un premio agli studi sulla migrazione

Next Article

Programma Toscana Best: in concorso 5 borse da 30.000 euro

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.