Borsa Alfonso Martone per una tesina “ad hoc”

L’Associazione Camera di Giustizia, con sede a Napoli, ha istituito un concorso per l’assegnazione di una borsa di studio, con l’intento di incoraggiare gli studenti a effettuare ricerche nel settore delle scienze giuridico-sociologiche. Il premio “Alfonso Martone” assegnerà una borsa di studio di 1.000 euro allo studente che avrà svolto il lavoro migliore sull’oggetto: “La colpa professionale del medico e del magistrato in Italia. Due responsabilità a confronto tra risvolti sociologici ed effetti giuridici”.
I candidati, per partecipare al concorso, dovranno redigere quindi una brevi tesi si un massimo di 30 cartelle seguendo il tema dato. L’accettazione della borsa di studio comporta la partecipazione, da parte del vincitore, in qualità di relatore, al Convegno che si terrà presso la Camera di Commercio di Napoli nell’Ottobre 2008, sul tema oggetto della borsa di studio e nel più ampio contesto del seminario che si terrà.
La domanda deve essere redatta utilizzando l’apposito modulo d’ammissione che si può scaricare dal sito www.cameradigiustizia.com ed inviata, assieme all’elaborato in triplice copia ed anche su un supporto informatico, alla sede della Camera di Giustizia all’indirizzo via Tarsia 23, 80135 Napoli, mettendo come destinatario l’ Ufficio studi e ricerche. La domanda dovrà essere inviata entro e non oltre il 30 maggio 2008.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Addette alla formazione per Roma, Milano e Bologna

Next Article

Greenpeace, attivisti in azione

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.