Bocconi, il 94% dei laureati trova lavoro

Aumentano i laureati della Bocconi che trovano lavoro: a un anno dalla laurea biennale nel 2011 ha trovato occupazione il 94,4%, nel 2009 erano 93,6.

Aumentano i laureati della Bocconi che trovano lavoro: a un anno dalla laurea biennale nel 2011 ha trovato occupazione il 94,4%, nel 2009 erano 93,6. Forse è anche per questo dato, sottolineato dal rettore Guido Tabellini nella sua relazione all’apertura dell’anno accademico, che crescono anche le domande di ammissione: +20% per il triennio, +28% nel biennio e addirittura +40% dall’estero.

In questo triennio in cui Tabellini è stato rettore sono stati selezionati 45 nuovi docenti con esperienza internazionale. E l’internazionalizzazione si riflette anche sulla ricerca e sull’incremento dei finanziamenti internazionali ottenuti su base competitiva: nel 2012 ha superato gli 8 milioni di euro.

«Nei ranking internazionali – ha sottolineato – l’università ha scalato varie posizioni e l’indicatore che ci da più» soddisfazione è il placement e la qualità degli studenti. «Siamo quindicesimi al mondo per la reputazione dei datori di lavoro».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Adriano De Maio a capo del Science Park

Next Article

L’Udu a Profumo: “si apra tavolo con Ministero sulle nostre priorità”

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".