Bimbo soffocato, oggi fiaccolata nel quartiere. Due indagate per omicidio colposo

Schermata 2013-03-21 a 14.31.48

E’ prevista per questo pomeriggio la fiaccolata in memoria del piccolo Patrizio, il bimbo di soli 4 anni soffocato da un boccone di mozzarella due giorni fa, mentre mangiava alla mensa della sua scuola.

La scuola in questione è la Minucci, al centro dei una indagine della Procura di Napoli che ha iscritto nel registro degli indagati, con l’accusa di omicidio colposo, la maestra e l’addetta alla refezione.

Ieri presso il commissariato sono stati interrogati diversi testimoni tra maestre, bidelle e addetti alla mensa.

La maestra e l’addetta alla refezione ora potranno nominare un perito di parte per l’autopsia che verrà eseguita oggi presso l’istituto di medicina legale del Policlinico.

Sotto shock un intero quartiere che si unisce intorno al lutto dei giovani genitori del piccolo Patrizio e per questo pomeriggio sfilerà lungo via Bernardo Cavallino, strada dove ha sede la scuola e risiede a famiglia del bimbo, in un corteo di solidarietà, fiaccole alla mano.

Una tragedia che non può trovare spiegazione né ragione e di fronte alla quale in molti s’interrogano, cercando un colpevole che possa alleggerire il dolore.

Dopo la manifestazione di questo pomeriggio, i funerali la cui data sarà stabilita solo dopo che i  pm avrà disposto il rilascio della salma del piccolo, possibile solo dopo l’esame autoptico

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Frutta e verdura crudi, tormento per il 70% degli allergici

Next Article

2 milioni per la casa dello studente ma a Caltanissetta non ci sono più studenti

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".