2 milioni per la casa dello studente ma a Caltanissetta non ci sono più studenti

Schermata 2013-03-21 a 15.16.48

Ci sono voluti più di due anni e ben due milioni di euro per ristrutturare la casa dello studente a San Domenico di Caltanissetta.
Ora, i lavori alla struttura sono stati ultimati e si sta procedendo alle operazioni di collaudo, ma in città non ci sono più studenti.

Doveva essere il “quarto polo siciliano”- ma con il trasferimento  a Catania della facoltà di Relazioni Pubbliche, però, Caltanissetta si è svuotata e gli studenti si sono spostati in massa.
Nel 2011, la Facoltà aveva fatto registrare un boom di iscritti- oltre mille- alcuni dei quali provenienti dalla vicina Calabria.

Adesso, la casa dello studente di San Domenico appare essere inutile e con molta probabilità dovrà essere riutilizzata per altri scopi.

Per restaurare il vecchio convento, trasformato nel secondo dopoguerra in caserma e poi in ricovero per senzatetto, ci sono voluti più di due anni. Nel frattempo, ci sono stati frequenti atti di vandalismo e sono stati rubati i pluviali in rame. Nell’ex chiostro benedettino,  sono state create trenta camere con annessi servizi. Si pensava che della struttura avrebbero beneficiato centinaia di studenti. In realtà, ora il rischio è che la struttura finisca per versare in uno stato di abbandono.

Il vicepresidente del Consorzio Universitario aveva proposto di affidare la casa dello studente all’Ente regionale per lo sviluppo degli studi universitari. Ancora, però, le autorità competenti non si sono pronunciate.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bimbo soffocato, oggi fiaccolata nel quartiere. Due indagate per omicidio colposo

Next Article

"La carta igienica? Ce la portiamo da casa"

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".