Frutta e verdura crudi, tormento per il 70% degli allergici

Schermata 2013-03-21 a 12.41.21

Frutta e verdura crude piu’ pollini in arrivo con la primavera, un mix esplosivo per molti italiani. Una percentuale compresa tra il 47 e 70% degli allergici al polline soffre infatti di ‘sindrome orale allergica’ (Soa), la principale manifestazione da reattivita’ incrociata tra pollini e alimenti.

In Italia si riscontra raramente nei bambini, la prevalenza aumenta con l’eta’ e diventa la manifestazione piu’ comune dell’allergia alimentare negli adolescenti e negli adulti. E’ il Nord a soffrirne piu’ del resto del Paese. Se n’e’ discusso oggi al convegno ‘Non solo pollinosi.

Pollini e alimenti: la sindrome orale allergica’ organizzato a Como in occasione della VII Giornata nazionale del polline, dall’Associazione italiana di aerobiologia (Aia), insieme a Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra), Fondazione Minoprio e la Federazione italiana delle associazioni di sostegno ai malati asmatici e allergici – Federasma Onlus. Gli alimenti coinvolti appartengono alla nostra alimentazione quotidiana, come frutta e verdura fresca che scatenano i sintomi, soprattutto se ingeriti crudi.

Queste le associazioni piu’ frequenti: pollini di Graminacee e pomodoro, frumento, kiwi, melone, anguria, arancia; pollini di urticacee (come la parietaria) e basilico, piselli, ciliegie; pollini di Composite e sedano, prezzemolo, camomilla, melone, anguria, mela, banana, lattuga; pollini di Betulaceae e mela, pera, albicocca, carota, finocchio e noce. Il monitoraggio di pollini, spore fungine e allergeni aerodispersi, che vede l’impegno costante di Aia, Ispra, Agenzie ambientali, Asl, Universita’, Ospedali e fondazioni Ircss, oltre a studiare un importante parametro di qualita’ dell’aria e di valutazione dello stato dell’ambiente, consente alla medicina generale e agli specialisti di migliorare le prestazioni diagnostiche e terapeutiche non solo per la pollinosi (rinite, asma) ma anche per la sindrome orale allergica.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma Tre, laurea ad honorem al prof Riccardi

Next Article

Bimbo soffocato, oggi fiaccolata nel quartiere. Due indagate per omicidio colposo

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.