Bimba picchiata dalla bulla a scuola: «La prof e il preside ridevano di lei»

Non solo un caso di bullismo a scuola, ma anche una grave sottovalutazione del fenomeno. Una bambina, che frequenta il primo anno della scuola media, è stata presa di mira e picchiata da una compagna più grande. «Come se non bastasse, i responsabili che avrebbero dovuto vigilare e tutelarla, una volta accusati, hanno minimizzato il caso e riso di lei», hanno denunciato i familiari della giovanissima alunna.
Come riporta anche El Universal, l’episodio risale allo scorso novembre ed è avvenuto all’interno di una scuola di Acuña Coahuila, in Messico. Nel filmato, diffuso a scopo di denuncia anche sui social da una zia della vittima, si vede la bambina presa di mira e picchiata ripetutamente da una compagna di scuola: il tutto, stando a quanto denunciato dai familiari della bambina, sarebbe avvenuto sotto gli occhi di una professoressa che, però, non avrebbe fatto nulla per fermare la bulla.
I genitori della giovane studentessa, dopo l’accaduto, si sono recati nell’ufficio del preside, chiedendo pene severe per la bulla. La risposta, assolutamente spiazzante, del dirigente scolastico è stata: «Non posso controllare 400 studenti». I genitori della ragazzina hanno anche rivelato: «Quando abbiamo detto al preside che nostra figlia poteva morire, lui si è messo a ridere e ha minimizzato l’accaduto».
La zia della bambina, sui social, ha spiegato: «Aiutatemi a diffondere questo video, il Ministero dell’Istruzione deve sapere. Mia nipote ora ha paura di andare a scuola, i suoi voti sono peggiorati e il preside ha riso di lei». Ad ogni modo, dopo la terribile esperienza è arrivato il lieto fine: come spiega La Voz, infatti, alla bambina è stata offerta una borsa di studio per poter frequentare lezioni in un altro istituto. La zia, comunque, ha puntualizzato: «Vi ringrazio davvero tanto per il vostro sostegno, ma questo non deve continuare a succedere. Mia nipote cambierà scuola, ma i bulli continueranno ad aggredire altri compagni di scuola e il corpo docente continuerà a minimizzare l’accaduto».
ilmessaggero

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Le misure sulla scuola del decreto Milleproroghe

Next Article

Piano Sud 2030: come rilanciare gli investimenti in ricerca e innovazione

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.