Berlusconi da Santoro, boom di ascolti e di polemiche

Schermata 2013-01-11 a 11.44.19

“Vi prego chiamate un giornalista che faccia le domande, quelle vere. Per favore”. Nonostante lo share al 33 %, la rete si scatena contro Michele Santoro dopo la trasmissione-evento di ieri sera, con ospite Silvio Berlusconi.

Le prime reazioni vengono in diretta già da Twitter. Sono molti, infatti, coloro che polemizzano per le domande e l’impostazione del programma. “Berlusconi sta recuperando voti stasera, e deve ringraziare il suo amore impossibile e ricambiato, Michele”. “Mi si conferma l’impressione che in questi 18 anni  i nemici tv di Berlusconi fossero in realtà suoi complici”. “Alla fine gli venderà anche un abbonamento del Milan”.

Ma le proteste non finiscono qui. Insorgono anche gli studenti, in particolare dopo la frase dell’ex premier rivolta a Santoro: “Scusi, ma lei ha frequentato l’Università o le scuole serali?”. Secondo Michele Lanni, portavoce della Rete degli Studenti Medi si tratta di “espressioni inappropriate e per nulla divertenti. “Le scuole pubbliche serali – continua Lanni – recuperano molto dell’abbandono scolastico, che nel nostro Paese resta comunque altissimo. Non riusciamo a capire questa facile ironia”.

A gettare benzina sul fuoco, in ultimo, ci pensa l’Agcom. L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha rilevato, infatti, diffusi squilibri nella presenza di politici nel Tg. “Ad essere sovraesposto sarebbe in primis il presidente del consiglio Mario Monti, con conseguenze naturali sui più piccoli”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Boccaccio, al via le celebrazioni per i 700 anni

Next Article

Ogni anno 1000 morti improvvise tra i giovani che fanno sport

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"