Beni culturali, arriva CREA

Il neo centro di ricerca per l’economia delle arti intende promuovere nuove sinergie e opportunità per i giovani.

Mercoledì 9 maggio Walter Santagata, l’economista e docente presso l’Università di Torino che da oltre venti anni si occupa del rapporto tra economia e cultura, presenterà il suo ultimo libro “Atmosfere creative” presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.

L’evento si configura come prima azione del neo centro di ricerca per l’economia delle arti: CREA, con sede al Benincasa.

Frutto di una sinergia tra due atenei, il Benincasa e la Federico II, il centro si occuperà di ricerca, formazione e fungerà da incubatore di contatti tra i vari attori e fruitori del mondo culturale. La sua presentazione al territorio è prevista per ottobre con l’inizio del nuovo anno accademico, ma le attività sono già iniziate.

In linea con le tesi portate da sempre avanti da Santagata quali la necessità di una maggiore sinergia tra creatività e mercato e l’effetto educativo della cultura che stimola la creatività, il Centro intende promuovere nuove sinergie e opportunità per i giovani.

“Studi e ricerche nell’ambito dell’economia delle arti e della cultura – ci spiega Paola Fiorentino, docente a contratto in Economia delle Arti e ideatrice con altri colleghi del progetto – hanno messo in luce negli anni sul nostro territorio, un insufficiente sistema di relazioni tra i soggetti coinvolti quali istituzioni e artisti. “Crea” sarà un campo di azione e promozione per i giovani neo-laureati e professionisti. Attrezzeremo spazi gratuiti per avviare idee imprenditoriali, attiveremo tirocini presso le società e partenariati con enti e aziende”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Niente foto sul cv se sei donna

Next Article

Anche l’Erasmus diventa on line

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".