Anche l’Erasmus diventa on line

L’istruzione interattiva è il futuro dell’università, ed è una rivoluzione paragonabile al passaggio dal manoscritto al libro stampato. Ne è convinto Francesco Profumo, ministro dell’Università e della ricerca, che in un’intervista a «Repubblica» trova «naturale» che dopo vent’anni di Erasmus ci sia «anche uno sbocco online.

L’istruzione interattiva è il futuro dell’università, ed è una rivoluzione paragonabile al passaggio dal manoscritto al libro stampato. Ne è convinto Francesco Profumo, ministro dell’Università e della ricerca, che in un’intervista a «Repubblica» trova «naturale» che dopo vent’anni di Erasmus ci sia «anche uno sbocco online. Uno degli obiettivi -afferma- è allargare il bacino degli studenti. Alcuni corsi online negli Usa hanno registrato 120.000 iscrizioni, e 20.000 studenti hanno superato i primi esami. Sono numeri enormi».

La qualità della didattica, afferma Profumo, sarebbe «garantita dall’ateneo. Gli studenti si iscrivono perché hanno voglia di mettersi in gioco. La tecnologia è migliorata moltissimo grazie ai siti di interazione online, e la possibilità che un gruppo di studenti ha di interagire con il proprio professore su una pagina wiki non è inferiore a quella di una tradizionale lezione de visu». Quanto alla validità legale del titolo, Profumo non si sbilancia: «è un sistema in formazione -conclude-, le incognite non mancano. Ma le potenzialità sono enormi».
Fonte Adnkronos

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Beni culturali, arriva CREA

Next Article

Avis e Roma Tre per la donazione del sangue

Related Posts
Leggi di più

L’archivio storico di Milva donato all’università di Bologna. La figlia: “Questo il luogo ideale per conservare la sua arte”

Sottoscritto ieri l'accordo di donazione che concede tutto il materiale artistico appartenuto alla celebre cantante italiana dalle voce inconfondibile e dalla chioma rossa all'Alma Mater. Il rettore Molari: "Ci impegneremo a a valorizzare il lascito e a renderlo fruibile per tutti gli scopi didattici e di ricerca".