Avis e Roma Tre per la donazione del sangue

Mercoledì 16 maggio 2012 si può salvare una vita donando il sangue. L’Ufficio Iniziative Sportive di Roma Tre, in collaborazione con l’AVIS Roma, offre questa opportunità a tutti coloro che vorranno partecipare. Donare il sangue significa non solo aiutare chi ha bisogno.

Mercoledì 16 maggio 2012 si può salvare una vita donando il sangue. L’Ufficio Iniziative Sportive di Roma Tre, in collaborazione con l’AVIS Roma, offre questa opportunità a tutti coloro che vorranno partecipare. Donare il sangue significa non solo aiutare chi ha bisogno. Donare il sangue permette anche di creare un legame con qualcuno che ci sarà grato per tutta la vita, pur non conoscendoci. Tutte le persone in buona salute, in un’età compresa tra i 18 e i 65 anni possono essere utili alla causa per risolvere emergenze legate a incidenti stradali, operazioni chirurgiche, oncologia, talassemia e trapianti.

Per contribuire a regalare un sorriso a chi sta soffrendo è possibile recarsi tra le ore 7,30 e le 11 presso il Centro Sportivo “Le Torri”, Lungotevere Dante snc. Tutti potranno donare il sangue: la cittadinanza al completo, gli studenti, il personale docente, ricercatore e TAB dell’Università. Per l’occasione sono state allestite apposite strutture e al termine dell’iniziativa saranno offerti gadget e la colazione a tutti i donatori. Si tratta di un’iniziativa che, per la sua risonanza individuale e sociale, è molto più importante di una donazione in denaro. Perché i soldi servono spesso, ma il sangue serve sempre.

Per ulteriori informazioni:
www.avisroma.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Anche l’Erasmus diventa on line

Next Article

Studiare e vivere internazionale in... Erasmus Mundus

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.