Bari, l'Udu chiede la differenziata

raccoltadifferenziata.jpgQuando non si tratta di voti, i rifiuti non sono tutti uguali: occorre differenziare. L’Unione degli Universitari ha presentato una richiesta al rettore dell’Università degli Studi di Bari Corrado Petrocelli: raccolta differenziata dei rifiuti in tutti gli uffici e in tutte le facoltà. La proposta è stata posta anche all’attenzione degli assessorati regionale e comunale all’Ambiente.
Un gesto responsabile. «Di fronte alla recente crisi del ciclo dei rifiuti in Campania, in un pianeta sempre più sull’orlo di una crisi ambientale, oltre che economica e sociale, crediamo che l’Università degli Studi di Bari – scrivono gli studenti – non possa esimersi da assumere un ruolo all’avanguardia nel contribuire ad un consapevole uso della gestione dei rifiuti». A fronte di una grande quantità di rifiuti, carta in particolare, ma anche bottigliette di plastica, lattine di alluminio, ad oggi – rilevano gli studenti – «solo in alcuni uffici e in alcuni dipartimenti si effettua una attenta raccolta differenziata».
Sensibilizzare le coscienze. «Crediamo – aggiungono – debba sempre più diventare una pratica diffusa in tutta l’Università degli Studi di Bari: un luogo di sapere e conoscenza qual è il nostro ateneo deve farsi promotore di una coscienza pubblica e civile sull’importanza della raccolta differenziata, promuovendo una campagna di sensibilizzazione di tutta la comunità accademica».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Milmun, delegati ONU per un giorno

Next Article

La geomatematica scova Bin Laden

Related Posts
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".