Bambini siriani uccisi: summit alla “Farnesina” con i coetanei italiani

Cosa ci fanno dei bambini italiani di dieci anni seduti sulle poltrone dell’Unità di Crisi della Farnesina? La loro iniziativa è arrivata fino al ministero degli Affari Esteri e persino Giulio Terzi ha voluto incontrarli. Sono gli alunni delle scuole di Bologna e Genova che hanno deciso di manifestare la loro solidarietà ai bambini siriani, aderendo al progetto “I bambini dell’Italia ai bambini della Siria”. Mentre tanti adulti sceglievano la via del silenzio e dell’ignoranza di fronte all’uccisione di tantissimi bambini in Siria, loro decidevano di scrivere delle letterine di solidarietà.

Le lettere. “Scavatevi una buca per ripararvi dalle bombe. Non dovete avere paura, ci sono altri bambini insieme a voi”: queste le parole di alcuni di loro, che sono state messe su Facebook e tradotte in inglese e arabo dalle mamme. Ed è proprio grazie a Facebook che il Ministro Terzi ha scoperto per caso l’iniziativa da un post di una madre incredula per l’immediata risposta ricevuta e ha chiesto di poter incontrare i bambini, invitandoli al Ministero. E loro, alla Farnesina, ci sono andati con le idee molto chiare ed uno slogan: “Ci interessa sirianamente”. Al Ministro, hanno chiesto di poter inviare giochi e libri ai bambini in Siria. Colpito dalla sensibilità di questi studenti, Terzi ha auspicato che altre scuole italiane prendano in considerazione la possibilità di aderire al progetto.

Il corteo. E, nel frattempo, alcuni studenti delle scuole italiane sono scesi in piazza per le vie di Bologna, chiedendo che si faccia qualcosa per salvare i bambini in Siria.

Angela Zurzolo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L’app per governare la Gran Bretagna

Next Article

"Finalmente il governo scommette sui giovani"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).