Babbo Natale cacciato da una scuola materna

I genitori dei bambini i cui figli non appartengono a un credo non cristiano hanno chiesto alla scuola di annullare il tradizionale incontro con Babbo Natale

Babbo Natale non è molto gradito nella scuola materna di Bagno a Ripoli, a sud di Firenze.

I genitori dei bambini di tre sezioni dell’istituto “Bruno Cocchi” si sono opposti alla presenza a scuola di Babbo Natale perché i piccoli appartengono a un credo non cristiano e Santa Claus è una figura religiosa a pieno titolo: l’origine della tradizione di Babbo Natale affonda nel cristianesimo, ispirato dalla figura del vescovo cristiano san Nicola di Mira, per poi passare nel folklore di Paesi Bassi, Belgio e Lussemburgo, fino alle rappresentazioni moderne di ispirazione anglosassone.

Il preside e i docenti della “Bruno Cocchi” hanno decido quindi di rinunciare al tradizionale incontro con i bambini prima delle vacanze di Natale e di “sfrattare” l’anziano vegliardo e il suo corredo di regali e slitte.

Vogliamo evitare problemi, ogni scuola è autonoma e decide in libertà”, dice il preside Marco Panti, che però si dice pronto a cambiare idea qualora i genitori degli altri bambini protestassero perché “delusi” dall’assenza a scuola di Babbo Nat

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Pakistan, studentesse boicottano la scuola intitolata a Malala Yousafzai

Next Article

Aspettando il concorsone, Corriereuniv prepara la diretta

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".