Pakistan, studentesse boicottano la scuola intitolata a Malala Yousafzai

 

 

 

 

 

 

Circa 150 ragazze hanno protestato perché temono che, intitolando la scuola alla ragazza ferita dai talebani perché lottava per il diritto allo studio delle donne, l’istituto diventi bersagli di rappresaglie

**

Un gruppo di studentesse pachistane ha manifestato contro l’intitolazione della loro scuola a Malala Yousafzai, la ragazza che lottava per il diritto allo studio femminile e che il 9 ottobre rimase ferita gravemente da un gruppo di talebani, che hanno poi rivendicato l’attentato identificando Malala come «il simbolo degli infedeli e dell’oscenità».

Circa 150 studentesse della scuola, chiamata prima “Government College for Girls” e ora rinominata  “Malala College for Girls”, hanno paura che l’istituto e chi lo frequenta possa diventare un obiettivo diguerriglia e quindi hanno boicottato le lezioni e protestato strappando la foto di Malala, accusata tra l’altro di aver lasciato il Pakistan per andare a curarsi in Gran Bretagna.

Le studentesse hanno chiesto inoltre al presidente del Pakistan di rimuovere la targa con il nuovo nome della scuola, per non provocare l’ira dei talebani.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sanremo 2013, ecco i nomi di 14 Big

Next Article

Babbo Natale cacciato da una scuola materna

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".