Autocertificazioni false per avere le borse di studio

autocertificazioni false

 

Autocertificazioni false per avere le borse di studio – La Guardia di Finanza ha aperto un inchiesta in collaborazione con i tre maggiori Atenei della Capitale: La Sapienza, Roma Tre e Tor Vergata. Al centro dell’indagine gli studenti che hanno dichiarato redditi bassissimi per pagare meno tasse universitarie o per accedere alle borse di studio e alle agevolazioni come posti letto o buoni mensa.

I furbetti delle borse di studio ora dovranno restituire le somme indebitamente percepite moltiplicate per tre volte e rischiano, inoltre, di essere perseguiti anche penalmente con provvedimenti che vanno dai 6 mesi ai tre anni di carcere.

https://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2013/11/29MI15070.PDF

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Vinsero un concorso nel 2008, 210 docenti universitari scrivono al Ministro per il riconoscimento della loro funzione

Next Article

Francia in cerca ingegneri

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".