Spazio, l’Esa apre agli astronauti disabili

L’Esa invita espressamente le donne a candidarsi: “Vogliamo ricervere le loro candidature”

L’Agenzia Spaziale Europea cerca nuovi astronauti e per la prima volta apre anche ad astronauti disabili con il progetto “Parastronauti”.

“Ciò che ci porta dall’essere disabili per andare nello spazio alla possibilità di andare nello spazio è solo la tecnologia”. Parola di Samantha Cristoforetti. Viaggiare nello spazio, essere letteralmente sul mondo, tra le stelle, è il sogno di ogni bambino. Il 2021 è l’anno in cui questo sogno potrebbe realizzarsi“.

Sia io che Samantha Cristoforetti, insieme agli altri miei colleghi astronauti, abbiamo sempre contrastato il concetto di astronauti-super eroi, siamo persone normalissime che fanno forse un superlavoro ed ora il programma per i disabili farà aprire ad ancora più persone la possibilità di fare attività spaziali”, ha dichiarato all’Adnkronos l’astronauta italiano dell’Esa Luca Parmitano.

Le selezioni per i nuovi astronauti sono iniziate il 31 marzo e termineranno il 28 maggio.

Un’occasione più unica che rara se si considera che l’ultimo bando risale al 2008 e che dal 1978 l’ente europeo ha avviato tre campagne di reclutamento di questa portata.

Sono fino a sei i profili ricercati per i nuovi astronauti ma la vera novità è la storica apertura ai disabili.

Al momento possono accedere alle selezioni i candidati che hanno una disabilità alle gambe (amputazione al livello del piede o sotto il ginocchio), una forte differenza nella lunghezza delle gambe o una statura inferiore al metro e trenta.

Trattandosi di uno studio di fattibilità, “non possiamo garantire che il parastronauta volerà nello spazio – ha dichiarato Parmitano – ma metteremo tutto il nostro impegno per capire come adeguare i programmi. Vogliamo che questa sia un’evoluzione strutturale del volo spaziale”. Le donne nello spazio sono ancora una minoranza benché vi siano state recentemente figure di successo in tale senso come la nostra Samantha Cristoforetti.

L’Esa invita espressamente le donne a candidarsi: “Vogliamo ricevere le loro candidature – spiega l’Agenzia Spaziale Europea -. Non ci basta il 16% di donne che ha fatto domanda nelle campagne precedenti. Come Esa abbiamo l’ambizione di immaginare e rendere possibile il futuro, per riuscire a farlo abbiamo bisogno di ricchezza di prospettive”.

Ecco i requisiti necessari per candidarsi:

– essere cittadini europei o associati dell’Esa
– essere in possesso di una laurea specialistica o superiore in:
Scienze naturali
Medicina
Ingegneria
Matematica
Scienze informatiche
– avere un brevetto di pilota collaudatore sperimentale
– flessibilità i termini di sede e orario di lavoro
– buona conoscenza della lingue inglese, parlata e scritta
– richiesta disponibilità a partecipare ad esperimenti di bio-scienza

Leggi anche:
Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Covid, i sindacati protestano contro lo stop alla priorità dei vaccini per i docenti

Next Article

Ambiente, legalità e lavoro: Ministero dell’Istruzione e Guardia Costiera firmano l’intesa

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.