Assunzioni in Banca da Nord a Sud

Il gruppo Unicredit e il gruppo di Mediobanca, CheBanca!, hanno aperto le selezioni per allargare il loro organico in varie sedi italiane. Il gruppo Unicredit ha in programma di mandare a buon fine 300 assunzioni, a tempo indeterminato o a termine, fino alla fine del 2010.

Le città interessate sono soprattutto Roma, Milano e Palermo. Nel prossimo anno e mezzo, quindi, il Gruppo che comprende istituti come Banca di Roma e Banco di Sicilia, continuerà la sua campagna di reclutamento. I settori interessati dalla ricerca sono in maggioranza il business front end e il back office; i rimanenti candidati andranno negli uffici finanza, rischi e legale. Il titolo di studio più richiesto è quello in Economia.

Tutte le candidature si inviano mediante il sito internet www.unicreditgroup.eu. Per quanto riguarda CheBanca!, il gruppo ha programmato nuove aperture a Milano e Napoli. L’azienda è, pertanto, alla ricerca di diplomati o laureati, d’età compresa tra i 25 e i 30 anni ed esperienza nel settore commerciale.

I curriculum vanno inviati all’indirizzo di posta elettronica [email protected]

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Ocse, in Italia è allarme formazione

Next Article

Al via la notte bianca dei ricercatori

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.