Assunzioni, gli insegnanti insorgono: "Più rispetto per i precari"

Un simile piano di assunzioni non capiterà più. E’ questo il messaggio lanciato dal Ministro Stefania Giannini, in un’intervista a La Stampa. Il titolare dell’Istruzione si è rivolto direttamente ai precari. “Chi rinuncia, sbaglia” – ha detto.La mobilità degli insegnanti è un fenomeno ineliminabile finché ci saranno molte cattedre al Nord e molti insegnanti al Sud”. L’unico appiglio per i precari è la possibilità di indicare, in ordine di preferenza, tutte le province italiane.
I precari intanto, i giorni passano e il 14 agosto non è poi così lontano, fanno i conti con vicende familiari e personali che rendono la scelta molto più difficile di quanto la possa far sembrare il Ministro.
L’ANIEF, il sindacato degli insegnanti, si è espresso con chiarezza: “Il ministro porti rispetto per i precari” – ha scritto in una nota. A rincarare la dose è  Marcello Pacifico (presidente Anief):  “E’ dal 1200 che i maestri e i docenti non devono più spostarsi centinaia di chilometri, per insegnare. Perché non è la stessa cosa trasferirsi volontariamente da Sud a Nord oppure essere obbligati: magari a 50 e più anni di età, con situazioni personali o familiari difficoltose. Mettere questi insegnanti davanti al fatto compiuto – continua Pacifico – , scegli questa provincia o sei espulso dalle graduatorie, è un atto di forza. Basta coi commenti sarcastici o denigratori, gli attuali precari meritano parole di lode e parità di diritti”.
La domanda per partecipare al piano di assunzioni straordinario sarà presente su Istanze on line fino alle ore 14.00 del 14 agosto 2015.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Commissione Europea: borse di studio da 2.400 euro per formare gli interpreti del futuro

Next Article

Ajello: "Uniformare INVALSI e Maturità". SEI D'ACCORDO?

Related Posts
Leggi di più

Finge di avere due lauree: professoressa dovrà restituire 20 anni di stipendi

Un'insegnante di sostegno che ha prestato servizio in diverse scuole della Brianza è stata condannata al risarcimento di 314mila euro per aver falsificato, dal 2000, i certificati di laurea in pedagogia e psicologia. Il caso è scoppiato dopo che la donna aveva denunciato la preside di uno degli istituti nel quale lavorava per mobbing.