Associazioni giovanili, al via il registro

Tommasielli: “Rendere operativi i progetti dei giovani e aprire la finestra di dialogo tra l’istituzione e i tantissimi giovani che intendono partecipare attivamente”

Il Comune di Napoli invita le Associazioni Giovanili ad iscriversi al Registro cittadino istituito in seguito all’approvazione da parte del Consiglio Comunale della delibera a firma dell’Assessore alle Politiche Giovanili, Pina Tommasielli.

“Il Registro delle associazioni giovanili è un importante strumento di azione per i giovani e per l’Amministrazione – spiega l’Assessore – la sua funzione supera quella della semplice ricognizione delle realtà giovanili esistenti sui territori. Risponde alla necessità di rendere operativi i progetti dei giovani ed apre la finestra di dialogo tra l’istituzione e i tantissimi giovani che intendono partecipare attivamente alla realizzazione delle politiche giovanili cittadine”.

“Il registro e l’associazionismo giovanile – continua Tommasielli – si candidano ad essere lo strumento per fa sì che le risorse economiche a disposizione, pur con i numerosi tagli, vadano direttamente in capo ai giovani, in maniera evidente e pubblica. Il Comune si rende semplice supporto tecnico e “facilitatore” amministrativo per servizi che non calano dall’alto, ma che siano progettati e realizzati dai giovani per i giovani”.

Il Registro delle Associazioni Giovanili e delle Associazioni giovanili per lo Sport, Salute e Benessere, Sostenibilità Ambientale, funzionerà con il supporto tecnico del Servizio Pari Opportunità, azioni positive e Giovani in Via Cervantes 55.

Scheda d’iscrizione e regolamento su www.comune.napoli.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Italia, un Paese over 60 con i giovani per strada

Next Article

Premio Riccardo Tomassetti

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".