Artisti e studenti, in palio 42 mila euro dal premio internazionale Arte Laguna

C’è tempo fino al 16 novembre 2016 per concorrere all’XI Premio internazionale Arte Laguna che ha sede a Venezia.
Il Premio è un concorso d’arte internazionale a tema libero finalizzato a valorizzare l’arte contemporanea. Il concorso si distingue nel panorama artistico globale per la crescente varietà delle partnership e delle opportunità offerte agli artisti, ed è riconosciuto in tutto il mondo come un vero e proprio trampolino di lancio per la carriera degli artisti.
Una giuria internazionale selezionerà 125 artisti finalisti per:
– 6 premi in denaro di € 42.000
– importante Mostra all’Arsenale di Venezia
– 5 mostre in Gallerie d’Arte internazionali
– 5 collaborazioni con Aziende
– 9 Residenze d’Arte
– 3 Festival internazionali
– pubblicazione del catalogo
Quest’anno è inoltre possibile iscriversi separatemente ai Premi Business for Art:
Deglupta: € 5.000 e design per una nuova collezione di borse e accessori
Rima Sofa & Beds: € 5.000 e creazione di video promozionali, immagini per campagne pubblicitarie e design per le sedute d’arredo
Papillover Art Collection: € 1.000 e nuovi design per un’edizione limitata di papillon
Eurosystem: € 5.000 e creazione di un video che valorizzi il rapporto arte-tecnologia
Biafarin: 10 Gold Membership Packages e premio di US$ 4.000 per 4 artisti (US$ 1.000 ciascuno)
Per ulteriori informazioni ed il bando:
tel. +39 041 5937242 [email protected] www.premioartelaguna.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Medicina Veterinaria: ecco i risultati

Next Article

Arte e creatività: all'estero con la Fondazione Pini

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.