Arte post-Erasmus

Presso l’Università Suor Orsola Benincasa la premiazione della prima edizione del Premio “Racconta Erasmus”.

Questa mattina presso l’Università Suor Orsola Benincasa si terrà la cerimonia di premiazione della prima edizione di “Racconta Erasmus”.
Il Premio è destinato agli studenti dell’ateneo che hanno partecipato ad una esperienza Erasmus e hanno voglia di raccontare attraverso foto o parole questa loro piacevole opportunità.
Presso la Sala Villani, alle ore 12.00, una giuria presieduta dal delegato alle Relazioni Internazionali Giovanna Calabrò e composta dalla Preside della Facoltà di Lettere Emma Giammattei, da Pasquale Rossi, da Antonella Brandimonte, Valeria Del Tufo e Josiane Podeur (docenti delegati Erasmus delle tre Facoltà dell’Ateneo), premierà il primo e il secondo posto del premio, con una particolarità. Valutando l’impegno e la passione degli studenti che hanno aderito, la giuria ha infatti scelto di allargare la rosa dei vincitori assegnando ex aequo sia del primo sia del secondo posto.
Il primo premio spetterà a: Marita Francescon con “DI[zion]ARIO ERASMUS illustrato“, un’opera distintasi per l’originalità del linguaggio espressivo, visivo e verbale e ancora Marta Burns con “Barcellona, una storia d’amore” per aver saputo cogliere il senso profondo della esperienza vissuta e per averla narrata con intensità e varietà di toni. Per il secondo posto ancora due ragazze: Maria Assunta Ricciardi con “La ballata dell’Erasmus” per la felice essenzialità messa in rilievo dalla musicalità dei versi e infine Gelsomina Tagliamonte con “Caro E.” per aver rievocato ingegnosamente l’esperienza vissuta in forma di lettera a un destinatario misterioso di cui solo alla fine si svela l’identità.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La valutazione. Istruzioni per l'uso

Next Article

PRES: post laurea tra Italia e Francia

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".