Angela Celentano in Messico? La Procura chiude il caso: è una “bufala”

Dopo tante speranze per i genitori di Angela Celentano e per tutta la comunità che si è stretta attorno alla famiglia, la Procura di Torre Annunziata dichiara ufficialmente chiusa la pista del Messico. L’ipotesi più accreditata è che si sia trattato di uno “scherzo” di pessimo gusto, una bufala.

Dopo tante speranze per i genitori di Angela Celentano e per tutta la comunità che si è stretta attorno alla famiglia, la Procura di Torre Annunziata dichiara ufficialmente chiusa la pista del Messico. L’ipotesi più accreditata è che si sia trattato di uno “scherzo” di pessimo gusto, una bufala.

Grazie alle indagini effettuate sappiamo che le email sono partite da una casa messicana di Acapulco dove qualcuno utilizza Google per scoprire storie come quella di Angela e di tanti altri bambini scomparsi nel mondo.

Total
0
Shares
1 comment
  1. fate il possibbile di trovare celeste ovvero angela sono anchio mamma che ho un bimbo di 4 anni io credo che il signore ascolti la mia preghiera aiutate ai qusti poveri ma ricchi di cuore forza ma tanta forza a trovare la loro adorata bambina che lanno rapita a soli 3 anni dio farla tornare da i suoi genitori angela tanta forza alla famiglia celentano non arrendetevi maiiiiiii

Lascia un commento
Previous Article

Siria, giornalista Press tv ucciso da un cecchino

Next Article

Google Maps arriva in fondo al mare

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.