Amazon Women in Innovation, al via bandi università

Attractive young woman touching the virtual future interface

Al via i bandi per la seconda edizione della borsa di studio ‘Amazon Women in Innovation’ a sostegno dell’innovazione e delle giovani donne meno avvantaggiate. Il Politecnico di Milano, il Politecnico di Torino e l’Università Tor Vergata di Roma hanno pubblicato sui loro siti le scadenze per accedere alle candidature create dalla multinazionale di Seattle per supportare giovani studentesse nelle discipline Stem (Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica).
“Stiamo cercando di fare la differenza per molte giovani donne che un giorno diventeranno leader nell’innovazione”, spiega Mariangela Marseglia, VP Country Manager di Amazon.it e Amazon.es. Aderiscono Donatella Sciuto, Pro-rettrice del Politecnico di Milano, Claudia De Giorgi, Vice Rettrice per la Qualità, il Welfare e le Pari Opportunità del Politecnico di Torino, e il Rettore dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Orazio Schillaci.
Amazon Women in Innovation fa parte del progetto Amazon in the Community, a supporto della crescita delle nuove generazioni nel mondo digitale. Consiste in un finanziamento di seimila euro all’anno, per tre anni, a tre studentesse da altrettanti atenei italiani. Oltre a supportare economicamente le studentesse, Amazon mette a disposizione un mentore per aiutare a sviluppare competenze utili per il lavoro futuro, come, ad esempio, le tecniche per creare un curriculum efficace o affrontare un colloquio di lavoro in Amazon o in altre aziende.
ansa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, quel prof di Ferrara che insegna col rap

Next Article

Salute e ambiente, accordo tra Sima e Università di Sarajevo

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".