Al via la lotteria dei test

lotteria-2-2.gifSettembre, mese di prove per chi decide di iscriversi all’università. Il tempo del cambiamento è arrivato e da quest’anno tutte le future matricole saranno sottoposte ad un test d’ingresso. A stabilirlo l’ultima riforma ministeriale.
Sui banchi universitari ci saranno davvero tutti: dai futuri umanisti agli aspiranti medici. I test di ingresso sono i veri protagonisti del mese. Selettivi per chi deciderà di iscriversi ad una delle sei facoltà a numero chiuso, valutativi per tutti gli altri corsi.
L’anno accademico 2009/2010 sta registrando un boom di iscrizioni ai test d’ingresso e solo nelle università milanesi si contano circa 33mila candidati per 11mila posti. Fisioterapia è il corso in assoluto più gettonato visto che i candidati sono dieci volte più dei posti. Una vera e propria gara, dove non sempre riesce a vincere il migliore.
Come prepararsi. Molti ragazzi si affideranno alla dea bendata e tra un A B o C anche il gioco delle probabilità accorrerà in loro aiuto. Discorso diverso per i neo maturandi che aspirano ad entrare in uno dei settecentotrentatre corsi di laurea per i quali è necessario un esame di ammissione selettivo.
Test on line. Internet risulta ancora una volta essere la carta vincente. Dai siti che propongono quiz on line a vere e proprie simulazioni cronometrate. Non mancano tutor che rispondono via skype e blog o tutor on line ai quali affidarsi per qualche consiglio dell’ultimo minuto. Tra i consigli più gettonati per chi sta per intraprendere una facoltà scientifica il concentrarsi su alcuni argomenti di matematica: gli algoritmi e le potenze ad esempio sono sempre verdi.
Libri di quiz. Nonostante la Rete, le case editrici che pubblicano e vendono manuali per prepararsi all’ammissione all’università sembrano resistere. Perché se è in rete che gli studenti ultimano la preparazione ai test, è sicuramente sui libri cartacei che ha vita la prima fase di studio.
Il primo appuntamento. Si parte domani 3 settembre con i test di medicina; seguiranno odontoiatria (4/9), veterinaria (7/9), architettura (8/9), professioni sanitarie (10/9) e tutte le altre facoltà per le quali ogni ateneo decide autonomamente se introdurre l’accesso a numero programmato oppure no.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Allievi direttori tra scarpe e abbigliamento

Next Article

Agenti nelle telecomunicazioni con Vodafone

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).