Allievi direttori tra scarpe e abbigliamento

L’azienda veneta di scarpe e abbigliamento, Compar, ha aperto le selezioni per assumere lo staff che andrà a lavorare in ben 15 nuovi punti vendita ed oltre 250 negozi che necessitano di nuove leve. Le assunzioni saranno ufficializzate entro la fine dell’anno.
L’azienda gestisce i famosi marchi Bata, Factory Store e Athletes World.
La figura ricercata è quella dell’allievo direttore. I requisiti per essere assunto sono avere un’età tra i 22 e i 32 anni, un diploma o una laurea e la disponibilità a trasferimenti, generalmente a livello regionale. Essenziali sono poi spiccate doti comunicative e capacità di leadership e organizzazione.
Per i prescelti il primo contratto previsto è d’inserimento, della durata di 12 mesi, finalizzato all’assunzione. Il percorso d’inserimento, invece, parte con una formazione di tipo teorico-pratico e si continua con la gestione di un punto vendita.
Per candidarsi basta spedire il curriculum all’indirizzo e-mail ricerca [email protected], specificando “Bata” o “Athletes world”.

Total
0
Shares
1 comment
  1. sono una persona dinamica con tanta voglia di lavorare ultimamente ho lavorato da conciauro scarpe a palermo ,sono un ottima venditrice dal mio curriculum potrete vedere che ho svolto anche atri tipi di lavoro .

Lascia un commento
Previous Article

Un funzionario per Tecnocasa a Roma nord

Next Article

Al via la lotteria dei test

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.