Al Sud 530 milioni di euro per l'occupazione dei Giovani

530 milioni di euro in stabilità per il rilancio dell’occupazione giovanile

Nella legge di stabilità il Governo prova a spingere i giovani e il Meridione.
Lo fa destinando 530 milioni di euro di fondi europei, riassegnati all’Italia e relativi alla precedente programmazione, alle regioni meridionali più Abruzzo e Molise. L’obiettivo è quello di agevolare le assunzioni a tempo indeterminato di candidati under 24 che in alcuni casi (se non hanno avuto impiego retribuito nei sei mesi precedenti) possono salire fino a 29.
Le agevolazioni vanno nel solco delle precedenti iniziative di decontribuzione adottate con il “Jobs act” e relative a 8.060 euro di sgravi contributivi concessi alle imprese che assumevano a tempo indeterminato (senza limiti di età). Dal primo gennaio 2017 e per tutto il corso dell’anno sarà così possibile usufruire degli incentivi previsti e gestiti dalla neonata Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro (Anpal) guidata da Maurizio Del Conte, professore di diritto del lavoro alla Bocconi di Milano.
In un’intervista rilasciata al Sole 24 ore, Del Conte ha sottolineato l’importanza dell’iniziativa e l’avvio finalmente di nuove politiche attive che proveranno a contrastare la disoccupazione giovanile e il fenomeno dei Neet: ragazzi che non studiano e non lavorano. Assunzioni agevolate dunque, ma anche più snelle rispetto al passato, con un calcolo diverso delle risorse incrementali assunte, il titolo di diploma non più necessario come in precedenza, gli sgravi per i diplomati che hanno fatto più alternanza scuola/lavoro.
Proprio su questo ultimo tema sembra che ci sia una grande convergenza da parte di tutti gli attori: scuole, studenti, famiglie, aziende. Senza l’esperienza sul campo è difficile acquisire competenze e consapevolezza del proprio futuro.
La Youth Guarantee europea, che fin qui ha segnato luci ed ombre, può essere il trampolino di lancio per il futuro. Del Conte del resto sembra avere le idee chiare su quali siano i passi da compiere e soprattutto le scelte da operare. Siamo certi che queste includeranno un grande rafforzamento delle politiche formative collegate al mercato del lavoro, il potenziamento dell’alternanza e dell’orientamento e, non da ultimo, lo studio delle soft skills, perché senza competenze trasversali non si va da nessuna parte.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Approvata la legge di stabilità: ecco le risorse per Scuola, Università e Giovani

Next Article

La rassegna stampa di lunedì 17 ottobre

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.