Al san Raffaele più logica

L’Università Vita-Salute San Raffaele cambia, per il terzo anno consecutivo, il test di ammissione alla Facoltà di Medicina e Chirurgia.

L’Università Vita-Salute San Raffaele cambia, per il terzo anno consecutivo, il test di ammissione alla Facoltà di Medicina e Chirurgia. I motivi delle modifiche sono spiegati in un comunicato dell’Università milanese, arrivato ieri in redazione.
Per il terzo anno consecutivo l’Università Vita-Salute San Raffaele ha modificato, rendendolo, di fatto, diverso da quello adottato dalle altre facoltà mediche italiane. Si tratta infatti di un test che esclude le domande di tipo nozionistico, i dettagli di avvenimenti storici, geografia o letteratura, così come esclude concetti che verranno insegnati nei successivi anni di corso. Viene marcatamente privilegiato il problem solving; 50 domande esclusivamente di logica, cui si aggiungono 10 quesiti richiedenti la soluzione di problemi in ambito biologico, matematico, fisico, chimico, nonché 10 quesiti di cultura generale: per un totale di 100 domande cui rispondere in 120 minuti. Si tratta certamente di una prova complessa, con un assai tempo limitato rivolto a selezionare gli studenti “migliori”, dove con “migliori” non si intendono quelli più informati, quanto piuttosto quelli le cui capacità di ragionamento siano più sicure e rapide. La soddisfazione dimostrata da parte degli studenti per questo tipo di prova è elevata: la prova viene percepita come complessa, ma equa; certamente un test di ammissione con domande a scelta multipla mostra delle pecche rispetto a degli approcci più approfonditi come il colloquio personale e la valutazione in itinere durante il corso degli studi, tuttavia si dimostra un metodo oggettivo e adeguato a un grande numero di candidati”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Odontoiatria: studenti alla seconda prova

Next Article

Aspettando Godot a Montecitorio

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"