Agenzia dei medicinali, all’ombra del Big Ben

 Schermata 2013-05-24 a 11.33.07

La laurea, insieme all’ottima conoscenza dell’inglese e di un’altra lingua europea per il Trainee programme

Partire per Londra per vivere un’esperienza di stage altamente professionalizzante. Se l’idea vi stuzzica la fantasia tenete d’occhio il Trainee programme dell’Agenzia Europea dei Medicinali.

C’è tempo fino al 15 giugno per inviare la propria domanda. In palio tiricini di minimo sei e massimo nove mesi con retribuzione pari a 1350 sterline al mese e rimborso delle spese di viaggio.

Ma chi può candidarsi? È necessario essere laureati in medicina, chimica, farmacia, assistenza sanitaria, scienze della vita e tecnologie dell’informazione. Porte aperte anche per laureati in  giurisprudenza con interesse per il settore farmaceutico.

Altro requisito indipensabile è la padronanza dell’inglese e di un’altra delle lingue ufficiali dell’unione europea.

Ogni anno l’Agenzia riceve circa 1400 domande, accogliendo le richieste di una quarantina di candidati.

Potresti essere uno dei fortunati, vale la pena provarci:

www.emea.europa.eu/ema/index.jsp?curl=pages/about_us/general/general_content_000321.jsp&mid=WC0b01ac0580029405

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A 18 anni inventa il sistema per ricaricare il cellulare in 30 secondi!

Next Article

I bambini che vedono per la prima volta un uomo bianco

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.