Affitti: situazione critica a Bolzano

affittasi.gif“AAA appartamenti cercansi per studenti fuorisede”. Non un comune annuncio immobiliare, come se ne leggono tanti sparsi in ogni dove nelle città universitarie, ma un vero e proprio appello lanciato a mezzo stampa dalla Libera Università di Bolzano direttamente ai proprietari di case della zona. Un’accorata richiesta dettata dalla difficile situazione del mercato immobiliare per i neoimmatricolati: gli studenti più anziani mantengono il proprio posto negli studentati mentre “UniverCity”, il nuovo studentato in via Druso, non è ancora pronto. Per questo appartamenti privati – messi a disposizione in maniera specifica per gli studenti – potrebbero rappresentare una soluzione concreta.
I posti letto attualmente disponibili presso gi studentati sono 320 a Bolzano e 122 a Bressanone, numeri del tutto insufficienti se si considera che gli studenti sono in tutto circa 3200. La maggior parte degli studenti del secondo e terzo anno han confermato di voler mantenere il proprio posto in studentato e in alcuni corsi di laurea il numero dei posti disponibili è stato aumentato (per esempio a Bressanone presso il corso di laurea in Scienze della Formazione primaria: si è passati da 70 a 120 posti per la sezione italiana, da 50 a 120 per la sezione tedesca).
“La situazione del mercato degli affitti è critica”, afferma la dottoressa Francesca Nardin, responsabile del Servizio orientamento della Libera Università di Bolzano. “Speriamo che i cittadini di Bolzano, Bressanone e Brunico si rivolgano a noi per mettere a disposizione degli studenti appartamenti sfitti o camere: i loro annunci verranno pubblicati online sulla pagina web dell’università ed esposti sulle bacheche delle tre sedi”. Inoltre i proprietari – affittando a studenti – potranno accedere a particolari agevolazioni fiscali.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"La mappa degli atenei facili"

Next Article

Le righe orizzontali non ingrassano

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.