Le righe orizzontali non ingrassano

righe.jpgUna specie di leggenda metropolitana. Che perde consistenza in un attimo. Non è vero che i vestiti a righe orizzontali ingrassano, è una bufala bella e buona. E a dirlo non è una casa di moda alla vigilia della nuova stagione, ma un ricercatore britannico dell’università di York.
Dopo una lunga serie di esperimenti, Peter Thompson, è arrivato alla conclusione che è esattamente vero il contrario: a rendere la figura più paffuta sono le righe verticali. Psicologo di formazione, esperto in percezione, Thompson ha sfatato quelle che considera un infondato mito della moda moderna mostrando ad un gruppo di volontari duecento paia di fotografie con donne vestite a righe orizzontali o verticali. Sorpresa: gli osservatori hanno percepito come più grasse le donne a righe verticali anche quando la taglia era la stessa delle donne a righe orizzontali.
Lo psicologo ha anche quantificato la differenza: la donna “orizzontale” è percepita dall’occhio umano con dimensioni inferiori del 6% rispetto ad una donna “verticale” della medesima identica taglia. Perché si crei quest’illusione ottica però non è chiaro.
Il bello poi è che non è una novità assoluta: lo stesso effetto era già stato evidenziato da uno scienziato tedesco, Hermann von Helmholtz, in un libro uscito nel 1867.
Su un altro must della moda però le donne possono dormire sonni tranquilli: non c’è colore più “snellente” del nero.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Affitti: situazione critica a Bolzano

Next Article

Stage per Web designers

Related Posts
Leggi di più

Torna lo Young International Forum: università, lavoro, esteri ma anche disagio giovanile

Da mercoledì 11 a venerdì 13 ottobre al Ragusa OFF di Roma, tre giorni di eventi e appuntamenti. Orientamento, informazioni, sessioni di ascolto e confronto, opportunità di studio e scambi, colloqui, seminari sulle materie di studio e workshop per sostenere le scelte formativo-professionali. Quest’anno ampio spazio ai temi d’attualità legati al mondo dei ragazzi: dal body-shaming al cyberbullismo passando per il tabù dell’introduzione dell’educazione sessuale nei programmi scolastici