Affissioni selvagge. Da settembre a “La Sapienza” ronde antidegrado

ronde antidegrado a La Sapienza

Ronde antidegrado a La Sapienza A La Sapienza, da settembre, chi distribuirà volantini o attaccherà manifesti senza autorizzazione potrebbe essere fermato e allontanato dal Campus. Con il nuovo anno accademico, infatti, prenderanno avvio le “ronde anti-degrado” approvate dal direttore dell’area organizzazione e sviluppo dell’università.

Gruppi di impiegati e dipendenti dell’ateneo, con tanto di divisa e distintivo, avranno il compito di girare la città universitaria alla ricerca di commercianti abusivi, elemosinanti, volantinatori senza permesso e attacchini vari.

Una misura necessaria, a sentire le dichiarazioni provenienti dall’ufficio del Rettorato, che descrivono l’attuale situazione come: “una vera emergenza per l’università, che in alcune zone è diventata terra di nessuno”

Ma il compito dei “sorveglianti” non si ferma qui: dovranno anche controllare che tutti, studenti e professori, facciano la raccolta differenziata; potranno segnalare e far rimuovere le macchine parcheggiate senza permesso all’interno della città universitaria e dovranno aiutare le matricole a orientarsi nella nuova disposizione delle Facoltà, anch’essa in vigore da settembre.

Immediata la protesta degli studenti, che non vogliono sentire parlare di presidi o vigilantes.

“Oltre ad accrescere un clima poliziesco di cui nessuno avverte la necessità  – ha affermato Lorenzo Pisoni, coordinatore romano dell’Udu – questa misura mette nel mirino i volantinaggi che sono uno dei pochi modi che abbiamo per far circolare tante idee e tanti punti di vista diversi”.

Mentre sulle contromisure da adottare, Pisoni ha le idee chiare: “La prima cosa che faremo? Volantinare contro questa restrizione dei volantinaggi.”

Nella disputa è intervenuto lo stesso Rettore dell’università, Luigi Frati, che ha dato rassicurazioni agli studenti: “A nessuno sarà proibito dare opuscoli,figuriamoci. Questa misura si inserisce solo nella nuova linea che ho voluto imporre da quando sono Rettore. Tutto deve passare dalle autorizzazioni, a partire dalle feste, come avviene in tutti i grandi campus europei”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

30 borse di studio per neolaureati in professioni sanitarie

Next Article

Cagliari, studentessa violentata al parco. Aveva risposto a un annuncio di lavoro

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.