Cagliari, studentessa violentata al parco. Aveva risposto a un annuncio di lavoro

violentata al parco

Ha risposto ad una inserzione per un’offerta di lavoro, ma e’ stata violentata in un parco di Cagliari. E’ quanto accaduto a una studentessa universitaria di 29 anni, domiciliata in citta’ che ha chiamato la polizia spiegando di essere stata vittima di una violenza sessuale all’interno parco di Monte Claro.

La vittima ha comunicato il numero di due utenze telefoniche riconducibili all’autore della violenza, che le aveva anche rubato il telefonino e 10 euro. Sono subito intervenuti i poliziotti di una volante che hanno accompagnato la donna al Pronto Soccorso dell’ospedale Santissima Trinita’, per essere sottoposta a accertamenti.

Sul posto e’ intervenuto un altro equipaggio della della Squadra Mobile che si e’ messo alla ricerca dell’intestatario delle due utenze telefoniche riferite dalla vittima, che risultavano intestate a P. D., 39enne, invalido, disoccupato, con precedenti penali specifici per violenza sessuale.

P.D. era stato contattato dalla donna, poiche’ aveva inserito un’offerta di lavoro sul settimanale ‘Il Bratoo’, come ragazza alla pari. Dopo averle fissato un incontro nel parco, l’uomo ha tentato un approccio che, al rifiuto della ragazza, e’ sfociato in violenza.

I poliziotti della mobile hanno quindi iniziato le ricerche dell’uomo, che e’ stato trovato nella sua abitazione alle 2 di notte, e arrestato in flagranza di reato con l’accusa di violenza sessuale, rapina e lesioni.

Sono stati sequestrati anche il cellulare della vittima e gli abiti indossati dal violentatore, al momento dell’aggressione. L’uomo e’ stato portato nel carcere di Buoncammino a disposizione del magistrato di turno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Affissioni selvagge. Da settembre a "La Sapienza" ronde antidegrado

Next Article

Perché il Colosseo si chiama così? A caccia di persone che lo sappiano. GUARDA IL VIDEO

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale