Addio a Di Prisco, uomo di cultura e grande umanità

“Non badava all’apparenza ma all’essere” il ricordo del Preside De Giovanni

Con un improvviso infarto cardiaco è venuto a mancare il prof. Nicola Di Prisco, ordinario di Istituzioni di Diritto privato presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. La tragica fatalità a due giorni dal suo pensionamento la sera del 29 ottobre.

Una persona serena, che aveva un buon rapporto con tutti all’interno della facoltà giuridica dove ha trascorso tutta la sua carriera e che considerava quindi un po’ la sua seconda famiglia come ricorda il Preside della facoltà Lucio de Giovanni: “Il mio è un ricordo molto tenero, era un collega di grande cultura e grande umanità. Una delle sue qualità che mi piace evidenziare è che non badava all’apparenza ma all’essere e questo è molto importante in un mondo che va in un’altra direzione”.

Anche dai giovani, dai suoi studenti, arriva un ricordo affettuoso: “Un ultimo saluto al nostro professore, che è sempre stato al fianco degli studenti!!” il post su fb di Alessio Savarese, Consigliere di facoltà.

Profondo cordoglio ancora dalla Comunità Accademica dell’Università Giustino Fortunato dove il prof. Di Prisco ricopriva l’incarico di Pro-Rettore: “studioso di ampia cultura e docente esemplare, dalle straordinarie doti di sensibilità e di profonda umanità” l’ultimo messaggio dall’ateneo telematico.

Total
0
Shares
2 comments
  1. era un professore come non ce ne sono più…aveva in sè professionalità,simpatia e cultura non esclusivamente giuridica,dote della quale moltissimi professori sono totalmente sprovvisti…è davvero una grande perdita…

Lascia un commento
Previous Article

Giovani agricoltori crescono

Next Article

Borsa di studio per master in risk management

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".