A Roma Tre si parla di sport

“A ciascuno il (suo) pubblico”. Questo il titolo dell’incontro-dibattito di venerdì 11 aprile presso il terzo ateneo romano per approfondire le tematiche dello sport universitario e il diverso approccio per ogni disciplina praticata, cercando anche di analizzare la natura del tifo e l’importanza della dimensione ludica per trasmettere i valori della lealtà, della socialità e dell’amicizia.
L’evento, organizzato dall’Ufficio Attività Sportive dell’ateneo, si terrà a partire dalle ore 10 presso l’Aula E della facoltà di Scienze Matematiche Fisiche Naturali (Largo S. Leonardo Murialdo, 1). L’incontro, aperto a tutti e moderato da Diego Mariottini, affronterà il tema della natura del tifo e della capacità di quest’ultimo di influenzare domanda e offerta sportiva anche presso un’università pubblica.
Il dibattito muoverà dal duplice interrogativo: in che modo un’università può contribuire all’affermazione di valori legati non soltanto al risultato da ottenere, ma anche e soprattutto allo stare insieme non solo per vincere? E soprattutto: in che modo lo studente o i singoli gruppi possono fare la propria parte per aiutare l’università a raggiungere un obiettivo per certi aspetti così controcorrente rispetto ai nostri tempi?

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sapienza, nuovi trasporti ecologici e gratuiti

Next Article

Udine, entro fine maggio il nuovo rettore

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".