Sapienza, nuovi trasporti ecologici e gratuiti


“Muoviti con sapienza”
. Questo lo slogan scelto dal primo ateneo romano per pubblicizzare la riattivazione del servizio di trasporto gratuito dedicato a studenti e dipendenti che collega la città universitaria e le stazioni ferroviarie di Termini e di Tiburtina. Con una novità in più: il servizio, oltre a rimanere gratis, è diventato anche ecologico. Tutte le navette utilizzate, infatti, sono completamente elettriche.
L’iniziativa “Muoviti con sapienza” è stata promossa con il sostegno dell’ufficio del mobility manager della Sapienza. La gestione tecnica è a cura di Trambus Open, l’azienda del Comune di Roma, del gruppo Trambus, che gestisce con autobus scoperti a due piani il servizio turistico sul territorio romano e che nel luglio scorso ha vinto la gara indetta dall’Università.
Due navette con una capienza di 30 posti effettueranno circa 40 corse giornaliere, con partenza dai capilinea ogni venti minuti, dalle 7.20 alle 13.20. Le fermate saranno riconoscibili grazie a una palina rossa con il logo della Sapienza. Studenti, docenti e impiegati potranno accedere alle vetture se sono in possesso di un documento che attesti l’appartenenza alla comunità universitaria.
Sapienza è una delle prime amministrazioni pubbliche a favorire il trasporto collettivo ecocompatibile con l’utilizzo di vetture elettriche ZEUS – Zero Emission Urban System. L’attivazione del servizio navetta va di pari passo con il progetto di car sharing ideato per agevolare la mobilità del personale dell’Università, risparmiando sui costi per il parco auto di proprietà e contribuendo al contenimento del traffico.
Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

In Automotive per far pratica nel servizio clienti

Next Article

A Roma Tre si parla di sport

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".