A Roma nasce la stanza dei colori e suoni per bimbi autistici

La stanza dei colori e suoni per bimbi autistici: Progetto Istituto Vaccari con Multiservizi e fondazione Bnl

La stanza dei colori e suoni per bimbi autistici: Progetto Istituto Vaccari con Multiservizi e fondazione Bnl

Una stanza che costruisce un percorso di interazione digitale attraverso cui i bimbi con disabilità, con particolare riferimento al disturbo dello spettro autistico, possono auto-comporre il proprio ambiente scegliendo colori, luci, intensità e frequenza, immagini e video, suoni, musiche e vibrazioni, aromi e stimolazioni tattili e gustative. E’ il progetto realizzato ed inaugurato oggi a Roma dall’Istituto Leonarda Vaccari.

La stanza, come riporta una nota, è stata realizzata grazie al contributo di Roma Multiservizi, Fondazione Bnl e Fondazione Vaccari – ed è dotata di un grande video in cui immergersi, una pedana vibrante dove godere delle stimolazioni tattili della musica, cuscini con cui comporre il proprio “angolo morbido”, un arco basale dove poter scegliere le stimolazioni, raggi del sole da osservare e con cui giocare.

Consentirà di effettuare una valutazione neuropsicologica dei bambini.

“La Roma Multiservizi da tempo collabora con l’Istituto Vaccari“, ha sottolineato il presidente della società Vincenzo Iannucci, che ha ricordato come il Consiglio di Amministrazione dell’azienda (partecipata al 51% da Ama Spa) abbia deciso di contribuire al finanziamento di questo progetto. “Creare una rete di protezione per i più deboli, infondere calore umano: la nostra mission sarà sempre più orientata in questa direzione”, aggiunge. 

ansa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti senza frontiere con "Erasmusart"

Next Article

Maturità: sondaggio, 8 su 10 preferisce prova orale

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.