A maggio un nuovo concorsone

concorso_aula_banchi

Concorsone, si riparte. La voce girava già da tempo, ma ora arriva la conferma direttamente dal ministro Francesco Profumo: “Stiamo lavorando per mettere il prossimo Governo nelle condizioni di fare la seconda edizione del concorso degli insegnanti, per poi proseguire con la prevista cadenza biennale” – ha dichiarato a margine della presentazione del progetto ‘Generazioni connesse’ in occasione del Safer Internet Day.

Si va delineando, quindi, l’idea di concorso come vero e proprio appuntamento fisso voluto da Profumo, dopo i 13 anni passati dall’ultima selezione. Il numero di cattedre in questione potrebbe raggiungere le 5mila unità che si andrebbe ad aggiungere alle 11mila che prenderanno servizio dal primo concorsone.

I 5mila posti per il nuovo concorsone, poi, andrebbero ad incastrarsi perfettamente con i pensionamenti previsti per il 2014/2015. Il problema centrale resta, comunque, il numero dei precari: considerando i docenti nella graduatorie si arriva addirittura a 300mila insegnanti in attesa di essere confermati in ruolo.

Le nuove selezioni dovrebbero essere bandite a maggio. Intanto si parte lunedì con la seconda prova del concorsone. Gli 88mila candidati che hanno superato – tra le polemiche – la prima parte, si troveranno davanti ad una nuova selezione. “’L’11 febbraio cominceremo la prima prova che terminerà il giorno 21 – ha spiegato ancora Profumo – e verrà corretta a marzo. Poi ci sarà la seconda prova e gli insegnanti vincitori prenderanno servizio con l’anno scolastico”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'inquinamento danneggia lo sviluppo del feto

Next Article

I ricercatori italiani alla conquista della luna

Related Posts
Leggi di più

Anche gli USA promuovono la mascherina: boom di casi dove non è obbligatoria

Le scuole senza obbligo hanno oltre 3 volte più probabilità di subire un focolaio rispetto alle altre: il dato arriva da una ricerca effettuata dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) degli Stati Uniti. Il sottosegretario Sileri: "Sulle quarantene aspettiamo il Cts".