A Catania riapre la mensa degli universitari

Schermata 2013-01-22 a 16.52.37

Riapre  la nuova mensa per gli studenti dell’Università degli Studi di Catania. “Riaperto” perché l’inaugurazione era in realtà avvenuta un mese fa alla presenza della giovane Nelli Scilabra, assessore alla Formazione nonché tuttora studentessa universitaria.

Da allora, causa un problema di energia elettrica, la partenza del servizio era slittata. La nuova mensa, situata di fronte la Facoltà di Scienze Politiche, ha trovato spazio all’interno di una ex trattoria ora dotata di attrezzature per garantire oltre 1.000 pasti al giorno (tra pranzo e cena) e sostituisce la grande mensa centrale situata nell’edificio della Casa dello Studente, chiusa per interventi strutturali.

Le associazioni universitarie lodano il lavoro dell’E.R.S.U. per l’apertura del servizio segnalando però che da sola non basterà a soddisfare le attuali richieste e sollecitando all’individuazione di altre possibili sedi.

L’E.R.S.U. intanto, per agevolare gli studenti ha predisposto unbus navetta che trasporterà i ragazzi dal luogo della vecchia mensa (oltreché, appunto, sede di alloggi) alla nuova.

 

Giovanni Torchia

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il 44% della popolazione non ha altro titolo che una licenza media

Next Article

Frankenweenie al cinema, Tim Burton stupisce ancora

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.