90 posti definitivi alla Croce Rossa

La Croce Rossa Italiana ha avviato una nuova selezione di personale, con 90 posti in palio e 12 selezioni.
I posti, tutti definitivi, non coinvolgono solo i profili sanitari: porte aperte per candidati provvisti di diploma di istruzione secondaria di secondo grado e di laurea specialistica.
Per quanto riguarda le materie richieste, si parte dalla laurea in Medicina e chirurgia, Scienze infermieristiche, Scienze fisioterapiche e Psicologia per passare poi a diplomi in Architettura, Informatica, Giurisprudenza, Economia e commercio, Scienze politiche.

Alcuni titoli devono, secondo rito, essere accompagnati da relativa specializzazione e iscrizione all’albo professionale. Sedi di lavoro, distribuite da nord a sud, partendo dal Comitato centrale di Roma, a seguire con quelli regionali del Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia-Giulia, Valle d’Aosta, Toscana, Emilia-Romagna, Abruzzo, Marche, Umbria, Puglia e Sicilia.
Per le domande c’è tempo fino al 6 agosto 2009, compilando l’apposito modulo allegato al bando, scaricabili entrambi dal sito www.cri.it.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lombardo sbuffa:"Atenei del Sud penalizzati"

Next Article

Da New York arriva il latte frizzante

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.