In Italia solo 1 studente su 100 vorrebbe fare il professore da grande

Solo un quindicenne su 100 vorrebbe fare l’insegnante. I numeri sono drammatici, e descrivono in modo drastico la professione, che sta attraversando una situazione di crisi. Sono i risultati dell’ultimo rapporto Pisa in Focus dell’OCSE. I numeri parlano chiaro: nella media OCSE solo il 5 % degli intervistati (studenti di 15 anni) vorrebbe fare il professore, da grande. Nella classifica, poi, l’Italia si posizione in fondo: solo l’1 % delle studentesse si dichiara futura insegnante; tra i ragazzi, invece, la percentuale scende allo 0,3.

Il motivo del declino? Tra i principali fattori la scarsa considerazione sociale e gli stipendi mediamente più bassi rispetto a quelli di altri professionisti. Il dato, inoltre, va confrontato con il ritardo cronico da parte degli studenti italiani nelle competenze di base: matematica e italiano in primis.

“Se l’attrattiva in Italia è così bassa – spiega al Corriere Francesca Borgonovi, ricercatrice Ocse – è a causa del fatto che gli insegnanti sono pagati troppo poco rispetto ad altre professioni e che non hanno possibilità di carriera”.

“Il fatto che la professione docente sia ancor meno attraente per i maschi – dice ancora Borgonovi – è un problema ulteriore perché i ragazzi hanno in genere voti più bassi delle femmine, sono meno propensi a iscriversi all’università e anzi tendono più facilmente ad abbandonare gli studi prima del diploma. La mancanza di un figura maschile di riferimento dentro la scuola non li aiuta a impegnarsi di più: al contrario rischia di facilitarne l’allontanamento, soprattutto in chi proviene da contesti socio-economici più svantaggiati”.

Per recuperare il gap la prima mossa da fare è semplice – scrive l’OCSE: pagare più e meglio i prof.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, Università e Ricerca: la rassegna stampa di giovedì 10 dicembre

Next Article

La Sapienza cerca 34 collaboratori esperti linguistici

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.