62 tirocini al Ministero dell'Economia

Laureati e laureandi hanno tempo fino al 16 giugno per candidarsi al bando di tirocinio promosso dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e dalla Fondazione CRUI, che mette a disposizione 62 posti di tirocinio presso il Dipartimento dell’Amministrazione Generale, del Personale e dei Servizi del Tesoro – IV Dipartimento.
Si tratta di un’occasione rivolta a laureati e laureandi di primo livello, di specialistica e di vecchio ordinamento dei 29 atenei italiani aderenti al programma. A questi è affidata la fase di preselezione, alla quale avrà seguito una successiva valutazione da parte del MEF e della Fondazione CRUI.
I posti disponibili sono dislocati in tutta Italia. I vincitori saranno impiegati per un periodo i 4 mesi, rinnovabili per altri 2, con inizio dello stage previsto per il 21 settembre.
Il bando si rivolge principalmente ad universitari provenienti dalle facoltà di Economia e Giurisprudenza, ma non mancano occasioni anche per laureati e laureandi in Scienze Statistiche, Ingegneria gestionale, Informatica, Scienze della Formazione e Scienze della Comunicazione.
Obiettivo del programma è quello di avvicinare gli universitari al mondo del lavoro ed in particolare all’attività svolta dalla Pubblica Amministrazione nel settore del trattamento giuridico ed economico del personale, gestione delle risorse umane e della comunicazione, pianificazione e controllo, analisi e miglioramento dei processi e dei sistemi amministrativi anche connessi con l’innovazione tecnologica. I candidati selezionati che avranno completato proficuamente il periodo di tirocinio, riceveranno un rimborso spese, sotto forma di borsa di studio, da rapportarsi ai giorni di effettiva presenza.
Alla pagina www.formazionepiu.it/?q=mef_ivdip è presente il bando completo e il collegamento alla pagina dove inoltrare la propria candidatura.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Aquila, lauree-ricordo tra le polemiche

Next Article

Opportunità in tutta Italia da Leroy Merlin

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.