6 mesi in Nestlè da Buyer Assistant

Il gruppo Nestlè, per la sede di Milano, neo-laureati da inserire per un periodo di stage semestrale in qualità di Buyer Assistant.

Il gruppo Nestlè, operante nel settore alimentare, presente in Italia con le tre Società Nestlè Italiana, ricerca e seleziona per la sede di Milano, neo-laureati da inserire per un periodo di stage semestrale in qualità di Buyer Assistant.
La posizione, in affiancamento al responsabile, prevede le seguenti attività principali: selezione e incontro con i fornitori, supporto e gestione acquisti europei, interfaccia con comanufacturers, gestione e supporto attività di back office.
Gli interessati sono pregati di inviare al seguente indirizzo il proprio curriculum specificando nell’oggetto dell’e-mail il riferimento “BYR”: [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Docenti informatici su Milano

Next Article

L'Acat premia tesi contro la tortura

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.