5 Ingegneri per l’agenzia spaziale italiana

L’Agenzia spaziale italiana (ASI) ha indetto cinque bandi di concorso per reclutare a tempo determinato laureati in Fisica, Ingegneria Aerospaziale e Astronautica, Ingegneria delle telecomunicazioni, Ingegnere elettronica, Ingegneria meccanica

L’Agenzia spaziale italiana (ASI) ha indetto cinque bandi di concorso, per titoli ed esami, per reclutare a tempo determinato laureati, in prova, con i seguenti profili professionali:

– primo tecnologo, del livello professionale II, per la direzione tecnica dell’A.S.I. con sede di lavoro in Roma.
– tecnologo, del livello professionale III, per l’Unità COSMO-SkyMed, con sede di lavoro in provincia di Matera presso il Centro di Geodesia Spaziale “G. Colombo” dell’ASI.
– Tecnologo, del livello professionale III, per l’Unità Organizzativa Lanciatori e Trasporto Spaziale con sede di lavoro in Roma.
– Tecnologo, del livello professionale III, per l’Unità Organizzativa Qualità, con sede di lavoro in Roma.
– Tecnologo, del livello professionale III, dell’ordinamento del personale di cui al CCNL ASI 2006 – 2009 del 4.8.2010, per l’Unità COSMO-SkyMed con sede di lavoro in Roma.

I candidati devono possedere una laurea magistrale o specialistica corrispondente alle classi di laurea magistrale o laurea di secondo livello: LM – 17 – Fisica, LM – 20 Ingegneria Aerospaziale e Astronautica, LM -27 Ingegneria delle telecomunicazioni, LM- 29 Ingegnere elettronica, LM -33 Ingegneria meccanica.

C’è tempo fino al 4 ottobre 2012, bandi su www.asi.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Crisi. Italiani mammoni per necessità

Next Article

Profumo a Trieste: incentivare la ricerca

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.