4000 posti di lavoro nell’industria elettronica

4000 posti di lavoro nell'elettronica

4000 posti di lavoro nell’elettronica entro la fine del 2013 per laureati e diplomati. Ad affermarlo le stesse imprese del settore.

Da un’indagine a campione condotta dall’Anie Confindustria (Federazione nazionale imprese elettrotecniche ed elettroniche) su 600 delle proprie associate è emerso che nonostante la crisi esse sono disposte entro dicembre ad assumere 2.000 diplomati, in particolare periti elettronici, meccanici e informatici, e altrettanti laureati, 1.500 dei quali ingegneri.

I nuovi assunti saranno inseriti con un contratto a tempo determinato nel 40,9% dei casi, seguito da apprendistato (19,7%), stage (19,2%) e contratto a progetto (5,9%), mentre per il 14,3% di loro l’assunzione sarà a tempo indeterminato.

“Non è retorica dire che il patrimonio di una azienda sono i suoi lavoratori», ha dichiarato il presidente di Anie Claudio Andrea Gemme in occasione dell’assemblea 2013 degli associati.

Il settore, d’altra parte, è in crisi, come dimostrano i numeri relativi al 2012 delle imprese associate all’Anie. Il fatturato aggregato è stato di 63 miliardi di euro contro i 71 dell’anno precedente, gli addetti sono stati 25mila in meno. Solo il valore dell’export, 29 miliardi, è rimasto invariato in dodici mesi.

Per ripartire le imprese puntano su laureati e neodiplomati, e la federazione nazionale imprese elettrotecniche ed elettroniche, in primis, ha inserito la voce “formazione professionale dei giovani” nel suo programma in cinque punti per tornare a crescere.

Come ha affermato Gemme, infatti: “La valorizzazione di questo capitale invisibile è ancora più importante per le aziende in cui la componente tecnologica e di specializzazione è molto alta, come quelle del nostro comparto”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sei stato allattato al seno? Farai carriera

Next Article

Secondo l'Europa in Italia troppa ricerca e poca didattica

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.