4000 posti di lavoro nell’industria elettronica

4000 posti di lavoro nell'elettronica

4000 posti di lavoro nell’elettronica entro la fine del 2013 per laureati e diplomati. Ad affermarlo le stesse imprese del settore.

Da un’indagine a campione condotta dall’Anie Confindustria (Federazione nazionale imprese elettrotecniche ed elettroniche) su 600 delle proprie associate è emerso che nonostante la crisi esse sono disposte entro dicembre ad assumere 2.000 diplomati, in particolare periti elettronici, meccanici e informatici, e altrettanti laureati, 1.500 dei quali ingegneri.

I nuovi assunti saranno inseriti con un contratto a tempo determinato nel 40,9% dei casi, seguito da apprendistato (19,7%), stage (19,2%) e contratto a progetto (5,9%), mentre per il 14,3% di loro l’assunzione sarà a tempo indeterminato.

“Non è retorica dire che il patrimonio di una azienda sono i suoi lavoratori», ha dichiarato il presidente di Anie Claudio Andrea Gemme in occasione dell’assemblea 2013 degli associati.

Il settore, d’altra parte, è in crisi, come dimostrano i numeri relativi al 2012 delle imprese associate all’Anie. Il fatturato aggregato è stato di 63 miliardi di euro contro i 71 dell’anno precedente, gli addetti sono stati 25mila in meno. Solo il valore dell’export, 29 miliardi, è rimasto invariato in dodici mesi.

Per ripartire le imprese puntano su laureati e neodiplomati, e la federazione nazionale imprese elettrotecniche ed elettroniche, in primis, ha inserito la voce “formazione professionale dei giovani” nel suo programma in cinque punti per tornare a crescere.

Come ha affermato Gemme, infatti: “La valorizzazione di questo capitale invisibile è ancora più importante per le aziende in cui la componente tecnologica e di specializzazione è molto alta, come quelle del nostro comparto”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sei stato allattato al seno? Farai carriera

Next Article

Secondo l'Europa in Italia troppa ricerca e poca didattica

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.