3.000 euro per tesi nel settore artistico

A mettere a disposizione il premio di laurea in questione è il Club della Fondazione di Venezia, un’associazione che nasce con lo scopo di conservare, diffondere e sviluppare il patrimonio di cultura nazionale attraverso iniziative di approfondimento e di promozione della cultura in tutti i suoi aspetti e le esperienze dei suoi professionisti. Il Club offre due borse di studio da 3.000 euro ciascuna per tesi inerenti al settore dell’arte e dei beni culturali. In particolare le tesi di laurea dovranno vertere su delle analisi economico-manageriali, oppure analisi storico-artistiche del novecento, della produzione culturale di beni ed eventi nel Veneto. Sono ammessi al concorso tutti coloro che abbiano conseguito il titolo presso atenei italiani e che abbiano discusso la propria tesi a partire dalla sessione estiva del 2006. Le tesi di laurea presentate dovranno aver ottenuto una votazione di almeno 110/110. Per visionare tutta la documentazione necessaria all’iscrizione, da inviare entro il 31 maggio 2008, al concorso è necessario consultare il sito della fondazione www.fondazionedivenezia.org. Per ulteriori informazioni si può scrivere all’indirizzo email [email protected], oppure chiamare il numero 041.2201237202.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il Policlinico di Tor Vergata cerca diversi profili

Next Article

Tappa romana a Sdc per Nokia University Program

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.