30 tirocini per neodiplomati

Dopo il diploma arriva Primazienda, il progetto promosso dalla Provincia di Avellino, in collaborazione con Confindustria e Biennale delle Arti e delle Scienze del Mediterraneo ‘Bimed’.
Un’opportunità di formazione e orientamento rivolta a 30 neo-diplomati irpini, che vivranno nuove esperienze nelle aziende del territorio. Borse di inserimento al lavoro saranno a disposizione per giovani che hanno concluso il corso di studi superiore e non intendono frequentare università o master.
Giunto alla quarta edizione, il progetto prevede un periodo di tirocinio di tre mesi (prorogabile a sei) durante il quale il giovane sarà affiancato da due tutor: uno interno all’azienda, che lo seguirà ed indirizzerà sull’apprendimento e lo svolgimento dei suoi compiti, e uno designato dalla regione Campania, che monitorerà il corretto svolgimento del tirocinio.
L’iniziativa, spiegano i promotori in una nota, ”già negli anni precedenti ha impresso una forte impronta in Campania, convogliando il 40% dei giovani che avevano svolto il tirocinio all’instaurazione di un rapporto di lavoro a tempo determinato con le aziende ospitanti”.
E’ previsto anche un compenso mensile in favore del partecipante pari a 200 euro (in caso di orario part-time) e 350 euro, in caso di full-time.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Social network, il decalogo del buon uso

Next Article

Naso Rosso contro le stragi del sabato sera

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.