Occupy the world

I cortei, manifestazioni e accampamenti degli indignati  del mondo, continuano a riempire le piazze da New York a Sydney dove in particolare la polizia ha effettuato 40 arresti. La polizia di Sydney, all’alba, ha sgomberato un accampamento di manifestanti che si ispirano al movimento ”Occupy Wall Street”.

La protesta di ”Occupy Sydney” contro il potere finanziario e le ineguaglianze sociali era iniziata da una settimana in Martin Place, nel distretto finanziario di Sydney, con un piccolo gruppo di manifestanti che si era accampato in piazza, anche dormendo di notte, nonostante il sequestro di tende e pannelli solari per ricaricare i telefonini.Il raid di circa 100 agenti di polizia giunge dopo un analogo sgombero effettuato due giorni fa a Melbourne.

A Londra, il movimento “Occupy London” si è accampato di fronte alla Cattedrale di San Paul. Funzionari della Cattedrale di St Paul e polizia, stanno valutando azioni legali per costringere i manifestanti a rimuovere il campo allestito fuori della chiesa più di una settimana fa, dopo una situazione di stallo tra le due parti.

Ronan McNern dal gruppo degli accampati dichiara:”Se la chiusura della cattedrale è cosi grave, perché non ce lo dicono direttamente? Siamo forse a rischio? Noi vogliamo un dialogo, aperto, piuttosto che dichiarazioni del decano attraverso i media “.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage alla Corte Costituzionale

Next Article

Amato alla Sun: Unità d'Italia, missione compiuta?

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".